Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

“Il Governo italiano chieda verità per Giulio all'Egitto”: la mobilitazione online di CILD e Antigone

20160323 130715 1Il 25 gennaio scomparve al Cairo Giulio Regeni. Dopo pochi giorni il giovane ricercatore italiano fu trovato morto e sul suo corpo erano evidenti i segni delle torture.

“Noi vogliamo tenere alta l’attenzione su questa vicenda” dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e CILD. “Dopo due mesi siamo lontani da qualcosa che assomigli alla cooperazione giudiziaria. L’impegno del Presidente egiziano Al-Sisi non ha prodotto fatti concreti. Siamo fermi e cresce pericolosamente il rischio dell’impunità”.

Per questo motivo Antigone e CILD lanciano, per il 25 marzo – a due mesi dal rapimento di Regeni – una mobilitazione online.

“L’invito che rivolgiamo a tutti – dice ancora Gonnella – è quello di farsi una foto con un cartello in mano nel quale ci sia scritto semplicemente “Verità per Giulio”, condividendolo sui propri account social e accompagnandolo da invito al governo italiano affinché aumenti l’impegno e le pressioni su quello egiziano per una reale e fattiva collaborazione nella ricerca dei colpevoli di questo crimine”.

L'hashtag dell'iniziativa è #VeritaPerGiulio, che riprende la mobilitazione lanciata da Amnesty International Italia a cui hanno aderito cittadini, associazioni e istituzioni, tra cui il Comune di Milano e quello di Bologna.

Nei giorni scorsi CILD ha tradotto e pubblicato un'inchiesta dei giornalisti egiziani di Ahmed Ragab e Mustafa al-Marsafawi sulla morte di Regeni.

Iscriviti alla newsletter di Antigone
L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

Webdoc