Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Cedu: alla Diaz ci fu una sospensione dei diritti umani. Subito commissione di inchiesta parlamentare e legge sulla tortura

diazsito"Come da sempre sosteniamo nel 2001 a Genova c'è stata una sospensione della democrazia. Ancora una volta torniamo di conseguenza a chiedere che sia istituita una commissione di inchiesta parlamentare che guardi a chi ha leggittimato quello che avvenne in quei giorni". A dirlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, a seguito della sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che, a distanza di due anni dal caso Cestaro vs Italia, torna a condannare l'Italia per le violenze e le torture avvenute all'interno della scuola Diaz durante il G8.  

Stavolta i ricorrenti erano 42 e per loro la Corte ha riconosciuto risarcimenti che vanno dai 45mila ai 55mila euro.

La Corte - come nel caso Cestaro - ha riconosciuto la violazione dell'Art. 3 per la tortura e i trattamenti inumani e degrandanti e per l'assenza di leggi interne che possano garantire giustizia per questi atti.  

"Ancora una volta l'Italia fa una figuraccia a livello internazionale e, per quanto riguarda la tortura, subisce una pesante condanna per la sua inadempienza verso impegni assunti oltre 28 anni fa e per la conseguente incapacità di punire i responsabili di questo crimine" dichiara Patrizio Gonnella. "Il Parlamento non può più aspettare. Si approvi da subito una legge che sia presentabile, applicabile e rispettosa delle Convenzioni internazionali. Fin da subito si inseriscano i codici identificativi per le forze dell'ordine. Si può fare - conclude Gonnella - anche senza una legge".  

La sentenza della CEDU

Iscriviti alla newsletter di Antigone
L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

Webdoc