Torna indietro

 
Antigone in carcere - Marche

ISTITUTO  Casa Circondariale di Marino del Tronto (Ascoli Piceno)

Via dei Meli 218 63100 - Ascoli Piceno; tel.: 0736 402141

Dislocazione: extraurbana; l’istituto è situato nella frazione di Marino del Tronto, a circa 8 km dal centro di Ascoli, a 15 minuti di cammino dalla stazione ferroviaria di Marino del Tronto (sulla linea San Benedetto del Tronto-Ascoli Piceno) e a 400 mt dalla più vicina fermata di autobus.

Tribunale di Sorveglianza di Ancona; Ufficio di Sorveglianza di Macerata; un magistrato.

CSSA di riferimento: Macerata

 

NODI IDENTIFICATIVI E PROBLEMATICI:

L’Istituto è caratterizzato da una netta separazione, sia strutturale che gestionale, fra la Sezione Giudiziaria (il Circondariale vero e proprio) e la Sezione “Marino” (Penale, che ospita i detenuti sottoposti al regime previsto dall’art. 41bis Ord. Pen.).

La Sezione Giudiziaria presenta un’area detentiva in condizioni precarie di vivibilità e di stato igienico-sanitario per carenze di spazio, luce ed aerazione. A partire dal 2010 ha avuto inizio il progetto di adeguamento alle previsioni del nuovo Regolamento di esecuzione che prevede che ciascuna cella abbia annessa una proprio doccia. Al momento dell’attuale visita soltanto tre le celle dotate di doccia (2 della sezione protetta e 1 della sezione comune) e 4  chiuse per ristrutturazione. Di fatto, quindi sono solo sei le docce in comune per tutti i detenuti della sezione giudiziaria. Gli spazi dell’area tratta mentale sono stretti e angusti. Le varie aree sono ubicate in zone contigue e risultano facilmente raggiungibili fra loro, permettendo un impiego razionale ed economico del personale di vigilanza.

Non esiste un locale destinato ad ospitare i nuovi giunti. In occasione di manifestazioni di tipo culturale viene di solito utilizzata la cappella. Esiste un campo da calcio, ma è considerato inagibile e, quindi, è inutilizzato.

La Sezione “Marino” è dotata di celle singole con docce in comune e di un’ampia palestra.

 

STRUTTURA

La costruzione risale agli anni ’70 ed il carcere è stato aperto nel 1981. Per le sue caratteristiche di sicurezza, la Sezione “Marino” (Penale) è stata da subito adibita a massima sicurezza: fu una delle “supercarceri” del Gen. Dalla Chiesa ed ora ospita il 41bis.

Sono stati effettuati anni fa lavori di manutenzione ordinaria che hanno interessato il rifacimento della copertura. Permangono tracce di infiltrazioni d’acqua sul soffitto in un angolo della cucina detenuti.

 

Dalla rotonda di ingresso si accede, sulla destra, al reparto detentivo.

Prima di arrivare alla sezione giudiziaria vera e propria, sulla sinistra, c’è il reparto protetti, costituito da due celle, ciascuna con la propria doccia, destinato a sex offenders e promiscui (collaboratori di giustizia, ex appartenenti alle forze dell’ordine, etc. etc.). Proseguendo c’è la Sezione Giudiziaria, di forma circolare, composta da 13 celle (di cui al momento della visita 4 non in uso poiché in ristrutturazione) di metratura che varia tra i 14 e i 29 mq. Queste sono disposte su di un unico piano, sul lato esterno di una circonferenza, al cui centro si trova uno spazio/cortile aperto, privo di copertura ed inaccessibile, delimitato da un muretto e da finestroni con sbarre, che non consentono né al personale di vigilanza di avere uno sguardo d’insieme sulla sezione, né ai detenuti di vedere le celle disposte sul lato opposto della circonferenza. Fra le celle e lo spazio/cortile interno passa il corridoio. L’ispirazione architettonica sembra richiamare l’idea del ‘claustrum’ conventuale; da un punto di vista funzionale essa appare quanto meno discutibile.

Le celle occupano ciascuna uno spicchio di una sezione circolare e si presentano più strette sul lato interno, dov’è la porta, e più larghe sulla parete di fondo, dove si trova un’unica finestra, con sbarre ed un’ulteriore schermatura applicata all’esterno direttamente sul profilo dell’apertura, con maglie a quadrati di circa 3 centimetri di lato. In ciascuna cella ci sono anche più letti a castello fino a tre piani. Ogni cella ha un locale separato con wc e lavabo, dotato di acqua calda e fredda; è inoltre dotata di TV a colori con telecomando. Lo spazio vitale, rapportato al numero delle persone ospitate, appare estremamente esiguo, sebbene la direttrice abbia assicurato il suo impegno a garantire i 3 mq per ciascun detenuto.

Tra queste, una sola cella, ancora non in uso, è stata ristrutturata secondo le disposizioni previste dal regolamento d’esecuzione con bagno e doccia in vano separato.

Il locale docce è situato fra le celle; non ci è stato possibile vederlo, perché occupato al momento della visita. Ci hanno detto che ci sono sei docce, le uniche a disposizione della Sezione Giudiziaria.

 

REPARTI E/O SEZIONI

Oltre alla Sezione Giudiziaria ad alla Sezione “Marino” (Penale, 41 bis, non visitabile), esiste un Reparto Isolamento-Protetti, con due celle, ciascuna con la sua doccia destinata a sex offenders, ex appartenenti alle forze dell’ordine; la Sezione dei semiliberi (una cella) al momento della visita era chiusa e la direzione è costretta ad alloggiare semi-liberi e art. 21 nelle celle della sezione giudiziaria.

 

Spazi comuni interni:

Adiacente alla Sezione Giudiziaria vi è un angusto cameroncino per la socialità, privo di arredo e di attrezzature (solo un tavolino e alcuni sgabelli).

Il corridoio centrale che si apre sulla rotonda di ingresso ospita, sulla destra, i locali adibiti a cucina detenuti, laboratorio/lavorazione di legatoria, lavanderia, cappella ed aula multimediale (10 postazioni informatiche). Gli ambienti sono spaziosi (circa 100 m2 ciascuno), ben illuminati e puliti. Più oltre, sullo stesso corridoio, si trovano due piccole stanze utilizzate attualmente come aula scolastica e come palestra per la Sezione Giudiziaria.

Al primo piano, in un’ala che ospita alcuni uffici, si trova la biblioteca di Istituto, non accessibile come sala di lettura e che cura un detenuto volontario.

Spazi comuni esterni:

Dalla Sezione Giudiziaria si accede, tramite breve corridoio, a due cortili per l’ora d’aria, in cemento armato, a forma trapezoidale, di circa 80 m2,; lungo uno dei lati di ciascun cortile corre una copertura in cemento armato di circa due metri di larghezza; in un angolo, delimitato da un muretto, vi è un servizio igienico. Le mura perimetrali dei cortili presentano sulla sommità delle punte in metallo ricurve verso l’interno, con funzione anti-scavalco (preferibili, dice la Direttrice, alla copertura tramite rete). Non sono presenti reti da pallavolo (usate per tentare l’arrampicata, secondo il vice-Comandante), né biliardini e tavoli da ping-pong, rotti durante una recente rissa.

Esiste un campetto sportivo non utilizzato.

Solo la Sezione “Marino” (41bis) ha celle singole (44) e ciascuna con bagno e con docce in comune.

 

DETENUTI

L’istituto è solo maschile. Ha una capienza regolamentare di 36 detenuti per la Sezione Giudiziaria e 44 per la Sezione Marino, per un numero complessivo di 80 detenuti.

Al 13.06.11: nonostante la chiusura di 4 celle per lavori erano presenti complessivamente 112 detenuti di cui alla Sezione Penale (41bis) 44 presenti (definitivi 24, ricorrenti 5, appellanti 5, giudicabili 5) e 68 alla Sezione Giudiziaria (compresi 12 nel reparto protetto) 68 (di cui imputati 31, appellanti 7, ricorrenti 5, definitivi 25). Un detenuto gode della semilibertà e un altro dell’art. 21 (entrambi tornano però in istituto poiché la sezione semi-liberi risulta chiusa). Meno del 30% è costituito da stranieri (soprattutto albanesi, bulgari e tunisini).

 

STAFF

Direttrice: dott.ssa Lucia Di Feliceantonio;

Polizia penitenziaria: 182 unità assegnate di cui 141 amministrate di cui presenti 131 più 25 GOM.

Comandante: Dott. Pio Mancini.

Educatori realmente in servizio: 3 sui 3 previsti.

Personale amministrativo: 21 unità previste, effettive 12.

Assistenti sociali assegnati: 1, presente in istituto mediamente una volta la settimana.

Altro personale: due mediatori linguistico/culturale (marocchino e albanese) a contratto pagati attraverso un finanziamento regionale;

una psicologa art. 80 per 130 ore all’anni alle quali vanno aggiunte le ore previste dal Progetto sperimentale per interventi a favore delle persone ristrette c/o gli istituti penitenziari  - Legge Regionale  n. 28/08 (in scadenza alla fine del 2011).

 

L’AREA SANITARIA

Il dirigente medico non si è reso disponibile a nessuna forma di colloquio, neanche telefonica a causa della grande mole di lavoro. La direttrice però ha confermato che, rispetto, a prima del passaggio delle competenze al servizio sanitario nazionale le cose siano rimaste invariate, perciò “si presume” quanto segue:

 

a.       Servizi                                      GIORNI FERIALI       GIORNI FESTIVI

Copertura servizio di guardia medica        24 ore su 24           24 ore su 24

Copertura servizio infermieristico            17 ore su 24           14 ore su 24

 

b.       Dotazioni

Pallone ambu, defribillatore, set rianimazione, n°3 elettrocardiografi, n°4 fonendoscopi, n°2 sfigmanometri a mercurio e aureolare, elettrobisturi, aerosol, lampada scialitica, ecografo, sonda, antalgici, apparecchio per terapia galvanica, elettroterapia, ionoforesi/elettroforesi, laserterapia a infrarossi, magnetoterapia, radarterapia, tens, ultrasuoniterapia, ozonoterapia, laser CO”, frontifocometro, lampada a fessura, lente di Godman, oftalmometro, oftalmoscopio, tavolo gemellato, ablatore, detartarizzatore, riunito odontoiatrico, vaschetta ultrasuoni, aerosol, audiometro, fonendoscopio, glucometro, otoscopio, pirometro, impianti radiologici ed accessori, n°3 negativoscopi, ortopantografo, sviluppatrice, teleradiografo, sonda prostatica transrettale biplana.

 

c. Personale

Personale Dipendente dall’Amministrazione Penitenziaria: Sanitario incaricato 1; Tecnici capo di radiologia 2; Infermiere 1.

Personale non dipendente dall’Amministrazione Penitenziaria (escluso Ser.T.): Medici A.S.U.R. 5; Medici specialisti (fra cui infettivologo, cardiologo, chirurgo, psichiatra, ecografista, ortopedico, oculista, dentista, otorino, radiologo, dermatologo, urologo e neurologo) 15; Infermieri A.S.U.R. 7.

La Direttrice dichiara che l’Istituto non ha risentito dei tagli di fondi registrati a livello nazionale negli ultimi anni sulla spesa sanitaria, nemmeno per quanto riguarda l’acquisto di farmaci.

 

VOLONTARI

Due articoli 78 (coordinatore Caritas diocesana e Comunità Papa Giovanni XXIII): bricolage, colloqui individuali, realizzazione di dolci che vengono donati ad una casa famiglia, cineforum, lettura, canto, giornalino, informatica e sostegno economico;

in art. 17:

- 15 appartenenti alla Comunità Papa Giovanni XXIII;

- 10 appartenenti alla Caritas;

- 10 vincenziani per l’animazione liturgica della messa del sabato.

 

CONDIZIONI MATERIALI:

A parte il Reparto Isolamento/Protetti/Precauzionali (in genere reati di natura sessuale, ex appartenenti alle forze dell’ordine, informatori), la collocazione nelle celle dell’unica Sezione Giudiziaria avviene, quando possibile, tenendo conto dell’età, della posizione giuridica e della nazionalità del nuovo giunto. Vengono prese in considerazione anche le richieste di cambio di cella avanzate dai detenuti stessi. Quando è possibile (cioè quando si registrano almeno quattro presenze di non fumatori fra loro compatibili) una cella viene adibita a non fumatori.

Detenuti per cella: fino a 9 (al momento delle visita) in una cella delle dimensioni di 28,79 mq (vano bagno compreso).

Orari di accesso alle docce e reali possibilità di utilizzo quotidiano: mattina e pomeriggio, tutti i giorni della settimana tranne la domenica (solo i lavoranti).

Orari dei pasti: i pasti vengono distribuiti alle 8, alle 12 ed alle 18; ai passeggi si accede dalle 9 alle 11 e dalle 13 alle 15; d’estate c’è un’ora supplementare dalle 16 alle 17; negli stessi orari si può optare per la socialità nel cameroncino della Sezione.

Palestra e laboratorio/lavorazione di legatoria: dalle 9 alle 11

Corso di italiano per stranieri: dalle 9 alle 12 il lunedì.

 

Il locale cucina è ampio, aerato e pulito. Si registrano lamentele sulla qualità del cibo. Esiste la possibilità di vitto differenziato, sia per motivi sanitari che religiosi.

Esiste un locale lavanderia molto ampio in cui lavora, a turno, un detenuto.

 

Il kit di casermaggio è quello standard; il materiale di pulizia viene distribuito per cella e non per persona. Prodotti per l’igiene personale possono essere richiesti agli operatori addetti alla vigilanza. Al momento della visita era in atto uno sciopero della fame “a staffetta” per via di una circolare trasmessa alla fine di giugno che annunciava che non sarebbe stato più distribuito materiale per l’igiene personale (sapone, saponette, carta igienica) né le posate in plastica utilizzare per i pasti, né i detersivi necessari alla pulizia delle celle, agli ambienti comuni e, soprattutto, ai servizi igienici.

 

EVENTI CRITICI

Negli ultimi 3 anni: l’area pedagogica segnala frequenti atti autolesionistici concentrati in specifici periodi dell’anno (prossimità delle feste, inverno);

Morti: ad agosto 2009 è stato trovato morto nel suo letto un detenuto tunisino di 28 anni in cura per depressione.

 

SANITÀ

Il dirigente medico non si è reso disponibile a nessuna forma di colloquio, neanche telefonica a causa della grande mole di lavoro. La direttrice però ha confermato che, rispetto, a prima del passaggio delle competenze al servizio sanitario nazionale le cose siano rimaste invariate, perciò “si presume” quanto segue:

Le visite mediche sono effettuate di norma entro le 24 ore, di mattino nella Sezione Giudiziaria e di sera in quella Penale. Per le urgenze, come da convenzione col personale di guardia medica, le visite sono effettuate entro le 6 ore; nei casi di urgenza ci si rivolge direttamente al Pronto soccorso dell’Ospedale civile. La media è di 2 ricoveri annui in strutture esterne.

Psichiatra, ortopedico, dentista e infettivologo accedono in Istituto con cadenza pressoché settimanale. Gli altri specialisti (fatte salve le visite considerate urgenti o quelle effettuate presso l’Ospedale Civile) vengono chiamati quando si accumulano tre/quattro richieste, con tempi di attesa che vanno oltre i 30/40 giorni.

Presenza di reparti di Osservazione psichiatrica: no

 

Il servizio infermieristico dell’istituto copre quotidianamente la fascia oraria 8/22; l’ultimo giro di distribuzione delle terapie è effettuato a partire dalle ore 20 e termina di norma entro le 21.30, per dare il tempo al personale in servizio di annotare l’avvenuta somministrazione dei farmaci sugli appositi registri e di lasciare le consegne al turno del mattino seguente.

Questo giro è svolto prima in una e poi nell’altra delle due sezioni dell’Istituto, giudiziaria e penale, secondo turni che vengono giornalmente scambiati; pertanto, a giorni alterni, la terapia per l’insonnia è distribuita attorno alle ore 20 in una sezione e attorno alle 21.30 nell’altra.

Vengono in genere lamentate dai detenuti carenze relativamente a ritardi nell’effettuazione di visite specialistiche, al mancato rispetto della privacy (quando una persona viene chiamata in infermeria per una visita medica, capita che venga detto ad alta voce in presenza di terzi qual è lo specialista che effettuerà la visita; capita inoltre che venga chiesto dall’agente in sezione il motivo della richiesta di visita medica quando la persona effettua la prenotazione la sera prima) ed agli orari della distribuzione della terapia anti-insonnia, ritenuti troppo anticipati.

- possibilità reali di terapie odontoiatriche e oculistiche: esiste un attrezzato laboratorio dentistico.

- livello di comunicazione dell’esito delle analisi effettuate e di informazione sugli effetti dei farmaci somministrati: non si registrano lamentele al riguardo.

Situazione tossicodipendenze, tipo di trattamento: anche metadonico.

 

ATTIVITÀ

Usufruendo dei fondi messi a disposizione annualmente dalla Regione, in attuazione del Protocollo d’intesa col Ministero della Giustizia, per il tramite dell’Ambito sociale di Ascoli Piceno, la Direzione sta attuando un progetto che ha come finalità generale quella di favorire la comunicazione fra detenuti ed operatori penitenziari. Tale progetto prevede, tra l’altro, la presenza di un mediatore culturale/linguistico (molto utilizzato quello di lingua araba) e l’apertura di uno sportello di informazione, orientamento e consulenza legale gestito da personale fornito e formato da una cooperativa (permessi di soggiorno ed espulsione per stranieri, disoccupazione, possibilità occupazionali esterne, partecipazione a concorsi letterari eccetera). C’è l’intenzione di allargare tale servizio anche agli italiani.

Si svolgono anche corsi di Training autogeno, gestito dalla psicologa dell’Istituto, e di informatica (con fondi dell’Amministrazione).

È attivo, una volta al mese, uno “Sportello Lavoro” aperto con un protocollo d’intesa con l’Amministrazione Provinciale.

 

LAVORO

A causa dei tagli dei fondi i soldi disponibili per il lavoro sono sempre meno e, di conseguenza anche le ore di lavoro. Al momento della visita, i lavoranti erano in tutto 23, 15 dei quali nella sezione giudiziaria, che mensilmente vengono sostituiti. Ma di questi, se si escludono i lavoranti in cucina (6 ore giornaliere) e gli addetti alla manutenzione ordinaria del fabbricato - M.O.F. (4 ore giornaliere), gli altri vengono impiegati per poche ore settimanali. Il collocamento al lavoro avviene mediante graduatoria interna, secondo i criteri dettati dalla normativa vigente e dalla Commissione per il lavoro penitenziario. Il budget annuo per le mercedi è di € 97.100,00.

Una Cooperativa sociale gestisce un laboratorio di Legatoria che, per mancanza di commesse esterne, occupa un solo detenuto part-time per dieci ore settimanali.

 

FORMAZIONE PROFESSIONALE

Al momento non vi è in essere alcun corso professionale, quello di legatoria è stato chiuso due anni fa e la Provincia ha fatto presente di non essere in grado di poter sostenere alcun corso all’interno dell’Istituto.

 

ISTRUZIONE

È attivo modulo di Lingua italiana per Stranieri, di 3 ore settimanali, gestito dal Centro Territoriale Permanente di Ascoli Piceno che è frequentato da una media di 8/10 persone. Dal 2009 si è aggiunto anche un corso di scuola elementare ed un corso di scuola media. Quest’anno 3 sono i candidati agli esami di scuola media.

Presso la “Sezione Marino” al momento ci sono persone iscritte alle scuole superiori e un iscritto all’Università.

 

CONTATTI CON L’ESTERNO

Colloqui: dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 15.

La sala colloqui della Sezione Giudiziaria è composta da sette tavolini, sono stati aboliti i banconi separati e l’arredo, molto colorato, è stato donato alla struttura grazie ad un progetto fatto dal carcere insieme alle scuole elementari.

Nella sezione 41bis i colloqui avvengono, come previsto, attraverso un vetro divisorio.

Pacchi dei familiari: vi è uniformità di disposizioni fra pacchi giunti per posta o tramite colloquio riguardo ai generi di cui è consentito l’ingresso. Si seguono le disposizioni ministeriali in materia.

Telefonate: si possono effettuare tutti i giorni sino alle ore 20, nel numero e con la durata prevista dalla normativa vigente. L’istituto si è uniformato alle ultime disposizione del Dap che acconsente chiamate anche ai cellulari di parenti privi di telefoni fissi.

 

Nonostante le dislocazione extraurbana, a detta della direttrice, non vengono segnalati reclami da parte dei familiari per il raggiungimento dell’Istituto che, sempre a sua detta, raggiungono nella maggioranza dei casi l’istituto con la propria macchina. (r.b. 13/06/2011) 

Stampa rapporto

Invia rapporto